Cerca nel blog

lunedì 11 luglio 2016

VIAGGIO OROBIE 2016: 17 ESCURSIONISTI IN VALFURVA PER NON DIMENTICARE

VALFURVA: A UN PASSO DALLE STELLE.

CALA IL SIPARIO SU «IN VIAGGIO SULLE OROBIE 2016».


I viaggiatori tornano a casa dopo cinque giorni di cammino
tra le maestose creste della Valfurva


Bergamo, 11 luglio 2016 – Cuori in cammino. Emozioni a un passo dal cielo. Si è conclusa domenica 10 luglio 2016 la quarta edizione di «In viaggio sulle Orobie», il trekking dedicato alle meraviglie della Valfurva

17 intrepidi escursionisti - il grande alpinista Mario Curnis e le guide Hervé Barmasse e Marco Confortola, l'ex sciatrice Deborah Compagnoni, il professore di filosofia Dimitri D'Andrea, il medico e alpinista Annalisa Fioretti, il direttore dei programmi di Radio Popolare Claudio Agostoni, il dirigente e viaggiatore bergamasco Stefano Viganò, l'alpinista e progettista elettronico Gian Pietro Verza, il fotografo e giornalista Umberto Isman, il musicista Martin Mayes, il film maker Carlo Limonta, l'attore Stefano Panzeri, la giornalista e blogger Simonetta Radice e lo chef orobico Michele Sana – hanno condiviso un'esperienza indimenticabile attorno al Confinale, dalla Val Cedec alla Val Zebrùsulle tracce della Grande Guerra e tra le cime simbolo dell'alpinismo.

«Abbiamo fatto una sintesi delle edizioni precedenti: siamo andati in quota e abbiamo incontrato tante comunità. Abbiamo ricordato il passato, facendo tappa nei luoghi segnati dalla Grande Guerra e abbiamo riflettuto sul valore presente delle montagne. Un percorso che ha parlato al cuore di tutti noi» -  commenta Emanuele Falchetti, ideatore insieme a Pino Capellini, direttore di Orobie,  del viaggio organizzato con il contributo di Fondazione Credito Bergamasco, Italcementi group, Oriocenter e, in collaborazione con Garmin Italia, il Collegio delle Guide alpine lombarde, l'Unione bergamasca Cai, l'agenzia Spiagames e numerose realtà locali, tra cui il Comune e la Pro Loco di Valfurva, la Comunità montana dell'Alta Valtellina, i rifugi Forni, Pizzini, V Alpini, lo Sport Hotel di Santa Caterina Valfurva e il Cai Valfurva. Preziosa, in particolare, la collaborazione con il Parco dello Stelvio, che ha organizzato escursioni aperte a tutti fino ai rifugi toccati dal Viaggio.

«I nostri soldati hanno fatto cose incredibili, sono loro i veri alpinisti! – sottolinea l'apinista Mario Curnis ricordando il centenario della Grande guerra -. Che emozione rivedere il ghiacciaio dei Forni dopo tanti anni. L'ultima volta che ho attraversato questa valle era il 1960, mia moglie ha ritrovato una foto di quei tempi e oggi… è tutto così diverso. Del ghiacciaio ne è rimasta appena la metà ma la valle non ha perso il suo incanto».

E altrettanto legata alla Valfurva è la campionessa di sci, Deborah Compagnoni, originaria di Santa Caterina, dove era posizionato il campo base dei viaggiatori: «Santa Caterina è la mia casa, rappresenta le mie origini, la mia infanzia. Queste montagne mi ricordano le prime escursioni fatte con mio padre, guida alpina, e mio fratello. Così oggi, sono contenta che tante altre persone abbiano potuto ammirarne la bellezza, perché è camminando che si scoprono paesaggi più emozionanti».

Con partenza giovedì 6 luglio a rientro domenica 10 luglio, i viaggiatori hanno attraversato anfiteatri di roccia e cielo, si sono inoltrati tra impervi ghiaioni e creste affilate, sono saliti in sella alle mountain bike per correre in discesa lungo i crinali delle irte montagne e si sono ristorati nei rifugi Forni, Branca, Pizzini e V alpini, vere e proprie icone delle terre alte. Luoghi dell'anima in cui si sono ritrovati, ogni sera, per conversare, leggere, ascoltare musica, guardare film, gustare le creazioni preparate dallo chef Michele Sana, come il pasto del soldato, con ingredienti poveri ma sostanziosi, o semplicemente guardare le stelle.

Ad accompagnare i loro passi, la storia di Vincenzo Rabito, ragazzo del '99, siciliano, soldato semplice inviato al fronte, le cui gesta sono state narrate dall'attore Stefano Panzeri. Un viaggio tra nubi e fatiche, tra partenze e ritorni, cullati dall'anima unica delle montagne.

«Ho cercato uno scatto che durasse in eterno. Con la mia macchina fotografica, ho immortalato questa valle per coglierne ogni sua unicità. Sono esaltato dalla bellezza di questi panorami che condivisi con un gruppo così eterogeneo ma coeso, hanno assunto un sapore ancor più speciale» - aggiunge il viaggiatore bergamasco, appassionato di fotografia, Stefano Viganò.

«Raccontare le montagne: è questo ciò che anche noi abbiamo cercato di fare durante il nostro percorso. Attraverso immagini, suoni, parole e anche sapori. Perché mi piace pensare che non si vada in montagna per "portare a casa qualcosa", ma per abbandonare qualcosa lassù.  - commenta la giornalista e blogger Simonetta Radice che racchiudendo i sentimenti di tutti, prima dell'ultima discesa, ha concluso: Non abbiamo, forse, tanta voglia di tornare a valle, di abbandonare questo luogo magico tra ghiacciai, guglie di roccia, grandi morene. Forse, non abbiamo tanta voglia di lasciare il regno delle altezze, dove le conversazioni si fanno più intime, dove il tempo e i passi aprono a riflessioni più profonde, dove le conoscenze si fanno amicizie. E mi chiedo: salire è opzionale, ma scendere è davvero obbligatorio?».

Nessun commento:

Posta un commento

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI