Cerca nel blog

martedì 19 luglio 2016

Vacanze a Roma all’Hotel Centrale non solo per l’arte e la storia, ma anche per recarsi nelle località di mare vicine alla Capitale



Sono numerose le località marittime vicino a Roma; molte sono situate a una distanza massima di 100 km e raggiungibili, anche con i mezzi pubblici, in meno di un’ora. Tra queste, il mare pulito e le belle spiagge sono garantite da Ostia, quartiere della città che si può visitare anche per l'interesse storico di Ostia Antica; Santa Marinella, la “perla del Tirreno” per i fondali riconosciuti dal 2005 dalla Ue come “patrimonio d’interesse comunitario” e Sperlonga, inserita nel circuito dei borghi più belli d'Italia. Partendo dall’Hotel Centrale Roma in pieno centro città, si può raggiungere la stazione Termini in pochi minuti di metropolitana dalla fermata Spagna della Linea A

Roma offre, oltre che un turismo culturale di eccezionale ricchezza e interesse, anche la possibilità di recarsi al mare; diverse località si trovano infatti a poca distanza dalla Città eterna (meno di 100 km dal Grande Raccordo Anulare) e ci si può arrivare in treno e con i mezzi pubblici, senza dimenticare che, verso nord, le cittadine grossetane di Capalbio e Orbetello sono a meno di 150 km. Ecco qui di seguito tre bei luoghi balneari facilmente raggiungibili da Roma: Ostia, Santa Marinella e Sperlonga (nell’immagine, dall’alto verso il basso).
Ostia è il mare più vicino a Roma, anzi, è il mare di Roma, perché il Lido di Ostia costituisce un quartiere della città. Qui si trovano  circa 6 chilometri di costa in cui si alternano spiagge libere e spiagge gestite da stabilimenti balneari, tutte di sabbia fine e scura e mare pulito; Ostia è infatti adatta anche ai più piccini per la pulizia del mare; una vasta pineta si estende in parallelo al litorale e a volte le spiagge attrezzate sono arricchite da bar, piscine e locali. Molto interessante, dal punto di vista storico e artistico, è in ogni caso anche Ostia antica. La nascita di Ostia come meta marina risale agli anni Trenta, mentre negli anni Quaranta si cominciò la costruzione della strada che ancora oggi porta qui, via Cristoforo Colombo (che infatti collega Roma al mare). Negli anni Sessanta Ostia comincia ad ingrandirsi e a diventare una vera e propria meta di vacanza, anche se il primo stabilimento balneare risale al 1905. Negli anni Duemila è avvenuta un’importante riqualificazione di Ostia, che l’ha trasformata in una località turistica di tutto rispetto. E’ stato creato “il porto di Roma”, un approdo turistico per imbarcazioni di privati e sono state pulite spiagge e pinete. E’ comune distinguere tra Ostia Levante e Ostia Ponente prendendo come punto di riferimento il pontile di Largo dei Ravennati. Ostia è facilmente raggiungibile da Roma con i mezzi pubblici: basta prendere la metropolitana di Roma, Linea B, fino alla fermata Piramide e da qui il treno verso Ostia-Lido e scendere alla fermata di Ostia Stella Polare.
Santa Marinella, a nord di Roma, ha belle spiagge di sabbia seppur abbastanza affollate. La cittadina è molto carina e annovera bar, negozi e ottimi ristoranti di pesce. Viene definita la “perla del Tirreno” per i fondali riconosciuti dal 2005 dalla Ue come “patrimonio d’interesse comunitario”, ma ospita anche diversi siti archeologici, impianti sportivi e ricreativi pubblici e strutture ricettive di buon livello. Il promontorio di Capo Linaro, situato nel territorio comunale, secondo alcuni costituisce il limite meridionale della Maremma; in realtà è una parte di quella che una volta era l'Etruria, regione che arrivava fino alla sponda destra del Tevere e che con l'espansione romana fu denominata Ager Romanus, Agro Romano. A meno di una decina di chilometri da qui si può raggiungere un’altra località del “mare di Roma”: Santa Severa. Nel territorio di Santa Marinella sono stati individuati antichi siti abitati nel neolitico e nell'età del bronzo. A partire dal sec. IX a.C. sorsero l'insediamento di Punicum, quello di Pyrgi (attuale Santa Severa), probabili empori Fenici e l'insediamento romano di Castrum Novum. Tra le torri di difesa costiera fatte edificare da S. Pio V nel 1567, c'è quella che si chiamò di Santa Marinella. In località Torre Chiaruccia Guglielmo Marconi istituì il Centro Radioelettrico Sperimentale del CNR, dove sperimentò la radiotelefonia mobile e costruì il primo prototipo di Radar. Nel 1955 l'architetto Luigi Moretti, progettista del famoso Hotel Watergate di Washington, disegnò, per conto della Principessa Pignatelli, il complesso di tre ville denominate La Saracena, La Califfa e La Moresca. Molto interessante da queste parti anche la riserva naturale di Macchiatonda. Per arrivare da Roma, ci vuole all’incirca un’ora di treno regionale da Termini; una volta scesi alla stazione di Santa Marinella, si impiegano cinque minuti a piedi per raggiungere la spiaggia e il mare più vicini.
Sperlonga è invece un po’ più lontana da Roma rispetto alle altre località, ma vale la pena fare qualche chilometro in più perché si viene accolti da un bel mare e una cittadina molto carina. Sperlonga è tra l’altro spesso inserita nelle Bandiere Blu che certificano la qualità delle spiagge; queste sono nella maggior parte dei casi private. Sperlonga sorge su uno sperone di roccia, la parte finale dei Monti Aurunci, che si protende nel Mar Tirreno; la spiaggia di fine e dorata sabbia bianca si alterna a speroni di roccia che si gettano in mare, formando calette meravigliose e spesso raggiungibili solo in barca. Queste formazioni rocciose sono presenti a Sud della cittadina, in direzione del promontorio di Gaeta. In particolare la Spiaggia dell’Angolo è l’unico tratto non occupato da stabilimenti balneari ed offre un mare limpido ed una spiaggia di sabbia fine e dorata, inframmezzata da qualche scoglio. Deliziosa è anche la cittadina, con stradine che risalgono la collina a partire dal mare; Sperlonga fa infatti parte del circuito dei borghi più belli d'Italia e al suo centro si trova tutta la vivacità di un borgo di mare molto frequentato. Nel territorio vi sono tracce di attività umana a partire dal paleolitico superiore; in età romana sorsero qui numerose ville, la più celebre delle quali è quella appartenente all'imperatore Tiberio, comprendente una grotta naturale modificata e adattata a sala da pranzo estiva, con giochi d'acqua e straordinari gruppi scultorei del ciclo di Ulisse (tra cui il colossale Gruppo di Polifemo), rinvenuti in frammenti nel 1957 e attualmente conservati nel Museo archeologico nazionale di Sperlonga. La villa è visitabile ancora oggi e costituisce una delle attrattive della cittadina. Nell'XI secolo l'abitato fu cinto da mura, ora scomparse, ma di cui restano due porte: la Portella o Porta Carrese e la Porta Marina; entrambe portano lo stemma della famiglia Caetani. Sperlonga restò per anni un piccolo paese di pescatori, continuamente minacciato dalle incursioni dei pirati che, come ricordano i murales del paese, arrivarono a rapire i suoi abitanti per ridurli in schiavitù. Malgrado la costruzione di una serie di torri di avvistamento in funzione di difesa costiera, la cittadina venne distrutta una prima volta nel 1534 dal pirata ottomano Khair Ad-Dìn detto il Barbarossa e una seconda volta, sempre ad opera dei pirati ottomani, nel 1622. Ricostruita fra il XVII e il XIX secolo, assunse la forma attuale (cosiddetta “a testuggine”) e vennero erette chiese e palazzi signorili. Lo sviluppo di Sperlonga, basato soprattutto sul turismo, iniziò dopo l'apertura della via Flacca, una strada litoranea che unisce Terracina a Gaeta, inaugurata il 9 febbraio 1958. Per arrivare al mare di Sperlonga partendo da Roma bisogna prendere un treno dalla Stazione Termini e scendere alla stazione Fondi-Sperlonga (ci vuole poco più di un’ora), quindi uno degli autobus che transitano dalla stazione verso il mare.
Altre spiagge vicino a Roma, situate in provincia di Latina, sono molto belle e molte di queste possono vantare la bandiera blu per la qualità del loro mare. San Felice del Circeo è immersa nella meravigliosa macchia mediterranea dell’omonimo Parco Nazionale del Circeo e rappresenta con le sue spiagge attrezzate una delle località più suggestive di tutto il litorale laziale. Ci sono poi le piccole isole Pontine, raggiungibili in traghetto da Formia, località che si trova ad un’ora di treno da Roma e tra queste l’isola di Ventotene presenta un mare bellissimo e spiagge da sogno, come Cala Nave. Secondo l’edizione 2016 di “Il mare più bello”, la guida alle vacanze di qualità sulle coste dei mari e dei laghi italiani di Legambiente e Touring Club Italiano, vi sono 5 località nei dintorni di Roma che ottengono tre e quattro vele (questa simbologia considera i luoghi che hanno scommesso sulla buona gestione del territorio, su servizi d’eccellenza, sulla manutenzione dei centri storici e sull’offerta enogastronomica di alto livello). Secondo la Guida blu queste sono per l’anno in corso, con 4 vele, l’isola di Ponza a 99 km da Roma; Sperlonga, 115 km da Roma, entrambi della provincia di Latina e Montalto di Castro nel territorio di Viterbo, a 97 km da Roma, che appartiene al comprensorio della Maremma, in prevalenza toscano. Con 3 vele, invece, figurano, in provincia di Latina, Sabaudia (86 km da Roma) e Ventotene, a 147 km da Roma.
Per partire comodamente dal centro di Roma, a sole tre fermate di metropolitana da Termini (dalla fermata Spagna della linea A), si consiglia di soggiornare all’Hotel Centrale Roma. Si trova in via Laurina 34 proprio nel centro di Roma: ad angolo con via del Corso e via del Babbuino, a due passi da Piazza di Spagna, via Condotti e Piazza del Popolo. L’hotel è raggiungibile con la Linea A della metropolitana (fermate “Spagna” e “Flaminio”) e, per chi arriva in macchina, a 5 minuti a piedi si trova il grande parcheggio di Villa Borghese. Uscendo dall’hotel, ci si immerge immediatamente nell’emozione impareggiabile della Roma dei sogni contraddistinta da miti intramontabili come il Colosseo, la Fontana di Trevi e, per lo shopping, via Condotti.


Nessun commento:

Posta un commento

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI