Cerca nel blog

martedì 26 luglio 2016

HomeAway: L’AFFITTO BREVE DELLA SECONDA CASA: ALLA SCOPERTA DEL “TESORETTO” DI FAMIGLIA

  
Il Sondaggio nazionale di HomeAway, leader mondiale nell'affitto di case per le vacanze online, rivela come i proprietari privati di case vacanza in Italia stiano raccogliendo i frutti dell'affitto delle seconde case

·         Per il 21% dei proprietari la motivazione che ha portato ad acquistare la casa vacanze è un investimento a lungo termine
·         il 41,7% del campione, infatti, dichiara che dall'affitto della proprietà deriva fino al 25% del proprio reddito annuale
·         Per il 35% dei proprietari i proventi derivanti dall'affitto sono stati e verranno impiegati in futuro per l'istruzione dei figli


Milano, Luglio 2016 *** Secondo uno studio condotto da HomeAway, leader mondiale nell'affitto di case vacanza online, sui proprietari privati nel nostro Paese, l'affitto breve rappresenta la vera cassaforte di casa. Un patrimonio che assicura, secondo il campione intervistato, una crescita costante del valore della proprietà e assicura una rendita importante, a fronte di un investimento di denaro e tempo contenuti.
                         
La seconda casa: il patrimonio di famiglia che rende
Un terzo degli intervistati afferma che la seconda casa, adibita a casa vacanza è stata ricevuta in eredità e uno su cinque ne continua a condividere la proprietà con uno o più membri della famiglia. Chi, viceversa, ha acquistato intenzionalmente una seconda casa, lo ha fatto con l'obiettivo di concretizzare un investimento a lungo termine. Lo conferma il dato, secondo il quale il 20% dei proprietari di casa HomeAway possiede la proprietà da più di dieci anni. Oltre il 46% dei proprietari di casa ha risposto che sta affittando la propria casa da almeno 3 anni e il 10% di averla affittata a breve termine anche per oltre dieci anni.

Un valore in continua crescita
Secondo quanto dichiarato dal campione intervistato da HomeAway, il valore delle proprietà è aumentato di oltre il 70%, con un incremento medio di oltre 110.000 Euro, passando da un prezzo medio unitario di 160.000 Euro ad un valore corrente di mercato di 278.000 Euro. Questo anche grazie al denaro guadagnato con l'affitto breve e poi re-investito per la manutenzione e l'ammodernamento della proprietà.

Come viene impiegato il tesoretto
Se per alcuni proprietari, affittare la seconda casa è semplicemente un modo pratico per guadagnare denaro extra nel corso dell'anno, per altri, si tratta di un business in piena espansione. In entrambi i casi è un fatto accertato che questi introiti rappresentano una voce del budget della famiglia; il 41,7% del campione, infatti, dichiara che dall'affitto della proprietà deriva fino al 25% del proprio reddito annuale.
Il 35% dei proprietari italiani intervistati sostiene inoltre che i proventi derivanti dall'affitto servono o sono serviti loro a costituire una sorta di tesoretto famigliare impiegato per l'istruzione dei figli.

L'affitto della seconda casa: le ragioni e la gestione privata
La copertura delle spese (parziale o totale) è la ragione che ha indotto oltre il 40% degli intervistati ad affittare la propria casa. Significativo che addirittura 1/3 segnala l'obiettivo di trarne profitto.

Gestire l'affitto: un investimento contenuto di tempo e denaro
Ma come vedono l'impegno della gestione i proprietari privati intervistati? Circa l'83% dichiara di non ricorrere ad alcun professionista immobiliare per la promozione e la gestione della proprietà, dedicando personalmente in media circa due ore al giorno per la gestione della proprietà, occupandosi di tutto: dalla promozione, alla gestione delle prenotazioni fino all'accoglienza degli ospiti e conseguente pulizia della casa. Anche sul fronte dei costi, i proprietari confermano una gestione semplificata: oltre il 32,3% del campione spende meno di 250 Euro all'anno per promuovere l'affitto della proprietà (tra abbonamenti ai siti web, pubblicità cartacea, ricerche a pagamento etc..), mentre il 36,6% spende tra i 250 e i 1000 Euro l'anno e solo il 7% spende più di 2.000 Euro.

Estate 2016: le previsioni dei proprietari italiani
I dati hanno infine rivelato che i proprietari che pubblicizzano le loro case vacanza su HomeAway si aspettano anche quest'estate un periodo più che favorevole. La stagione estiva coincide, infatti, per l'80% dei proprietari con il periodo di alta stagione. Il 64% del campione sostiene che il tasso di occupazione è stabile o addirittura superiore rispetto all'estate precedente.

Elisabetta Luise, Responsabile PR HomeAway Italia ha affermato: "I nostri dati rivelano, per voce dei diretti interessati, i benefici tangibili derivanti dall'affitto delle case vacanza. Siamo entusiasti che tanti nostri proprietari registrino un costante e importante aumento sul valore della proprietà, e che contemporaneamente ottengano anche guadagni significativi attraverso l'affitto breve delle loro proprietà, che in altrimenti rimarrebbero sfitte e vuote. I dati smentiscono, inoltre, la convinzione che questa attività sia onerosa per i proprietari in termini di tempo e denaro investiti e questo non può farci che piacere".


Homeaway chi siamo
HomeAway è il leader mondiale nel mercato online degli affitti di case vacanza e ingloba ad oggi oltre 1 Milione e 200 mila annunci in circa 190 paesi nel mondo.
Online su HomeAway, proprietari privati e professionisti immobiliari offrono un'amplia selezione di case vacanze offrendo ai viaggiatori di tutto il mondo la possibilità di sperimentare esperienze memorabili assieme ad altri numerosi benefit, come più stanze a disposizione dove rilassarsi godendo di maggior privacy a fronte di un minor costo rispetto alle sistemazioni più tradizionali come gli hotel. La società è infatti un punto di riferimento sia per i proprietari privati di case vacanze che per i professionisti immobiliari che desiderano pubblicizzare le loro proprietà e gestirne le prenotazioni online. Il portfolio di HomeAway include 50 siti leader di mercato che attraggono ogni mese più di 44 milioni di viaggiatori e sono declinati in 13 lingue diverse: HomeAway.com, VRBO.com e VacationRentals.com negli Stati Uniti, HomeAway.it, Homelidays.it e Toprural.it in Italia, HomeAway.co.uk e OwnersDirect.co.uk nel Regno Unito, HomeAway.de in Germania, Abritel.fr e Homelidays.com in Francia, HomeAway.es e Toprural.com in Spagna, AlugueTemporada.com.br in Brasile e HomeAway.com.au in Australia, Bookabach Ltd, in Nuova Zelanda e nel continente Oceanico, Travelmob.com nella regione Asia-Pacifico e di cui HomeAway possiede una quota di maggioranza, BedandBreakfast.com, il sito più completo per la ricerca di bed and breakfast nel mondo, un'ulteriore fonte di alloggi alternativi alle catene alberghiere.
HomeAway è oggi parte della famiglia Expedia Inc. 


--
www.CorrieredelWeb.it

Nessun commento:

Posta un commento

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI