Cerca nel blog

venerdì 17 giugno 2016

AL VIA I FESTEGGIAMENTI PER SANT'ANTONIO DI SANTADI

Si rinnova con un tripudio di Traccas addobbate a festa, gruppi in costume,  suonatori di launeddas  e migliaia di fedeli  l'appuntamento con la Processione di Sant'Antonio di Santadi


Arbus, 18/21 giugno 2016. Anche quest'anno Is carraidoris - i proprietari dei gioghi in legno trainati da buoi - faranno a gara affinché la processione di Sant'Antonio di Santadi abbia al seguito le più belle Traccas con sgargianti addobbi floreali, cestini in vimini e spighe di grano.  

Ritorna con tutto il suo fascino, intriso di religiosità, tradizione e desiderio di divulgare aspetti della storia del territorio e della cultura sarda, questo antico rituale, dedicato a Sant'Antonio da Padova che si ripete da più di 400 anni e con i suoi 37 chilometri, dal centro di Arbus alla chiesetta del borgo di Sant'Antonio di Santadi, è tra le processioni più lunghe d'Europa.

Seconda in Sardegna, come lunghezza del percorso, solo alla Festa di Sant'Efisio, la processione di Sant'Antonio di Santadi ha inizio il primo sabato successivo al 13 giugno, giorno in cui si celebra la memoria liturgica del Santo e per le quattro giornate (18/21 giugno) di festeggiamenti richiama ogni anno da tutta l'isola, numerosi gruppi folk e migliaia di fedeli e turisti.  

Questo lungo cammino di tradizioni, fede, colori e musiche per scoprire l'anima più verace e sensibile del territorio di Arbus, prende il via domani, sabato 18 giugno alle ore 8 dalla chiesa di S. Sebastiano, ma la festa inizia già dalle prime luci dell'alba quando gruppi di fedeli si preparano a "Sa Ramadura", dove interi cestini tradizionali di olivastro, canna, olmo e giunco, crobisi e corbule pieni di variopinti petali di fiori, vengono versati sulla strada per formare un fragrante e multicolore tappeto su cui si muoverà la processione.

Il primo dei quattro giorni di festeggiamenti  per il Santo, inizia con la celebrazione della messa, il successivo rito della benedizione del pane e il solenne momento dell'uscita del Santo dalla Chiesa quando i fedeli incaricati sistemano la statua nel cocchio trainato da un giogo di buoi.

In quest'atmosfera di profonda religiosità con l'aria avvolta dalle essenze di fiori, le strade  colorate da tappetti di petali e tutto intorno trionfi di addobbi in materiali naturali, in particolare lana e carta, utilizzati per decorare anche le Traccas al seguito, il lungo corteo si avvia a percorrere gli oltre 37 chilometri che separano dal Santuario di Sant'Antonio di Santadi.

Con circa una ventina di tradizionali "Traccas" a buoi e altre a motore, abbellite con fiori  e spighe, simbolo del lavoro dei campi ma anche della fertilità e dell'abbondanza, la processione che  si svolge a piedi,  permette di scoprire i bellissimi vestiti e i gioielli tradizionali dell'isola, corpetti ricamati a mano, scialli, candide camicie, preziosi gioielli in filigrana. Intercalando canti religiosi e preghiere e con l'accompagnamento della musica della banda del paese, delle melodie eseguite dai suonatori di launeddas e di altri strumenti musicali tipici, uomini, donne, anziani e bambini presi per mano avanzano seguiti dai gruppi folk con i loro tripudi di colori dei costumi tipici, dalle pariglie dei cavalieri in questo lungo e faticoso itinerario.  

Circa a metà strada, in località Pardu Atzei, il Santo e i fedeli fanno una sosta per il pranzo e per riposarsi, prima di riprendere rifocillati il cammino. La  processione religiosa culmina la notte di sabato quando intorno alle 23, il corteo arriva nella chiesetta del borgo di Sant'Antonio di Santadi. I fedeli e la statua del santo sono accolti dal parroco e da spettacolari fuochi d'artificio, al termine di questo intermezzo pirotecnico viene celebrata la S. Messa mentre all'esterno della chiesa continuano i festeggiamenti civili.

Domenica e  lunedì 20 giugno, il Santo viene portato in processione nelle vie del piccolo e suggestivo borgo di Sant'Antonio di Santadi. In queste due giornate viene fatta la benedizione dei campi e  ci si può dedicare alla degustazione delle specialità eno-gastronomiche del territorio, dai i prodotti tipici a base di pesce pescato nella vicina laguna di Marcedì alle lumache piccanti al sugo, il pane "su coccoi" preparato proprio per l'occasione della festa e benedetto e distribuito ai fedeli, come voto al Santo. Infine non possono mancare i dolci con il caratteristico "pani de saba" preparato con uvetta e sapa.



Il martedì mattina, subito dopo la S. Messa, il Santo riparte parte alla volta di Arbus, facendo il percorso inverso, una volta giunti alla parrocchia di S. Sebastiano il sacerdote procede con la Benedizione Eucaristica cui segue l'ultima processione dei fedeli in fila per toccare il Santo e chiedere ancora una grazia o rivolgergli ancora una supplica.



La processione di Sant'Antonio di Santadi affonda le sue radici nel mondo delle fatiche contadine del XVII secolo e conserva immutata nel tempo il fascino della devozione al Santo di tutta la comunità di Arbus. Le prime testimonianze della sagra di Sant'Antonio da Padova risalgono infatti al 1694 come testimoniato da un documento dell'archivio parrocchiale di San Sebastiano ed il traffico di agricoltori ed allevatori nella zona di Sant'Antonio di Santadi fa ipotizzare che loro siano gli ideatori della festa.



La processione è organizzata dal comitato permanete dedicato a Sant'Antonio di Santadi e rientra nell'ambito della quinta edizione della manifestazione "Aspettando Sant'Antonio" promossa da un gruppo di imprese Arburesi e con la collaborazione del gruppo di promozione territoriale Consorzio Imprese Arburesi Organizzate (C.I.A.O.)



Informazioni:
mobile: +39 328.8604661 – 349.0934137 –  348.4604822
email: accp@santantoniodisantadi.it
web: www.santantoniodisantadi.it

web: http://www.sardegnacostaverde.it/it.

email: sardegnacostaverde@gmail.com

Nessun commento:

Posta un commento

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI