Cerca nel blog

giovedì 25 febbraio 2016

Un inverno di relax nelle Perle del Trentino Alto Adige

Si tratta di Funes, Malles, Moena, Moso in Passiria, Racines e Tires: sei Perle incastonate tra boschi d'abeti e maestose dolomie, dove trascorrere una vacanza di relax a contatto con la montagna più autentica. 
 
Mentre l'inverno volge al termine e le giornate si allungano, c'è ancora spazio per una settimana sulla neve, coccolati dall'ospitalità leggendaria di questa regione e incantati dalla bellezza dei suoi paesaggi. Alpine Pearls ha selezionato alcune proposte di soggiorno per vivere l'inverno trentino e altoatesino in modo rilassante e originale.

Ospitalità Alpine Pearls: una garanzia!

 



Un inverno di relax nelle Perle del Trentino Alto Adige

Le montagne del Trentino Alto Adige accolgono ben 6 delle 25 località che aderiscono all'associazione Alpine Pearls, network internazionale di comuni virtuosi disseminati in tutto l'arco alpino e impegnati nella promozione di un turismo sostenibile e a mobilità dolce

Il marchio di "Ospitalità Alpine Pearls" offre la garanzia assoluta di una vacanza di qualità nel segno della mobilità dolce. Alpine Pearls ha infatti selezionato le migliori strutture ricettive in base al loro impegno nella tutela dell'ambiente, nella valorizzazione del territorio e nella promozione di soluzioni per la mobilità senz'auto. Le strutture ricettive Alpine Pearls offrono relax e divertimento in armonia con l'ambiente e l'opportunità di immergersi nelle tradizioni locali gustando le specialità tipiche della regione, preparate esclusivamente con prodotti del territorio.

3x4: a spasso senz'auto in Val di Fassa

La Perla trentina di Moena sorge in una fiabesca conca soleggiata, circondata da alcuni dei più bei gruppi dolomitici tra cui il Sella, il Latemar e il Catinaccio. Il centro storico con le aree chiuse al traffico invita a passeggiare e a soffermarsi per una cioccolata calda in uno dei numerosi locali storici. Qui gli amanti degli sport invernali possono divertirsi sulle splendide piste del comprensorio "Tre Valli" mentre i fondisti e i camminatori troveranno distese bianchissime tra montagne da sogno. 

Per gustare i paesaggi circostanti in modo ecologico e senza stress, l'Hotel Patrizia organizza escursioni accompagnate con esperti del territorio nei luoghi più suggestivi della vallata, escursioni con le ciaspole, Fat Bike Tour (mountain bike da neve) e skitour nelle zone più belle della Dolomiti Superski, con servizio di mobilità gratuito incluso. Da domenica 06/03 a giovedì 10/03, chi prenota 4 giorni ne paga solo 3! La promozione è valida per ogni tipologia di camera fino al termine della disponibilità e include centro benessere e SPA, servizio skibus per le piste e Wi-Fi. I prezzi variano in base alla tipologia di camera, a partire da 219,00 euro per persona in mezza pensione.


Inverno da scoprire in Val di Funes

La Val di Funes, laterale della Val d'Isarco, è una striscia di 24 chilometri che si inoltra in uno scenario alpino da fiaba, dichiarato nel 2009 Patrimonio Naturale UNESCO. Fino al 12 marzo l'Hotel Raschötzhof propone una settimana di escursioni con le ciaspole tra boschi innevati e malghe idilliache, lontano dal caos delle piste e dallo stress quotidiano, a un prezzo forfettario di 286 euro/persona. Il programma include una cena tradizionale in rifugio e la DolomitiCard per muoversi gratuitamente sui mezzi pubblici dell'Alto Adige.

Un fitto calendario di escursioni sulla neve caratterizza anche l'offerta settimanale dell'Hotel Tyrol: 7 giorni in mezza pensione gourmet con prodotti regionali ed equo-solidali, accesso all'area wellness con whirlpool all'aperto e un bagno d'erbe per due.

A 560 euro/persona (fino al 13 marzo). Per chi preferisce la libertà di una vacanza in appartamento, l'Agriturismo Proderhof offre una settimana in coppia con ciaspolate, corse in slitta e mobilità gratuita per le escursioni e su mezzi pubblici e impianti di risalita. Da 560 euro/coppia, fino al 12 marzo.


L'idillio bianco di Plan Plan, frazione di Moso in Val Passiria, è un idilliaco villaggio alpino nel cuore del Parco Naturale Gruppo di Tessa. L'inverno in Alta Val Passiria offre infinite opportunità di svago a contatto con la natura: percorsi per escursioni invernali, gite guidate con fiaccole e racchette da neve, romantici giri in carrozza, cavalcate tra paesaggi innevati, pattinaggio su ghiaccio su piste naturali, sci di fondo, slittino, il nuovo parco sulla neve a Stulles e molto altro ancora.

La Pensione Panorama di Plan offre l'opportunità di vivere questo ambiente straordinario per una settimana in mezza pensione con 2 escursioni guidate in ciaspole nella valle di Lazins e un tour guidato di sci alpinismo, a 343 euro a persona. Il proprietario, ex-maestro di sci e guida alpina, è a disposizione degli ospiti per accompagnarli a scoprire la montagna in sicurezza e nel rispetto del suo delicato ecosistema.

Sempre a Plan, il Residence Texel propone una settimana in appartamento con transfer dalla stazione di Merano, BusCard Merano e dintorni, escursione in ciaspole e giro in carrozza nella valle di Lazins incluse. A 304 euro/persona (min. 2 persone), fino al 19 marzo.


Settimana bianca a Tires


Tires al Catinaccio sorge a 1020 metri di quota sulla rete escursionistica che collega l'Alpe di Siusi, l'altipiano più alto d'Europa, al massiccio dolomitico del Catinaccio.

Da qui si accede al Parco Naturale Sciliar-Catinaccio, un'area protetta di quasi 7000 ettari che custodisce alcuni tra i più bei simboli delle dolomiti: l'Alpe di Siusi, l'inconfondibile sagoma dello Sciliar, l'idilliaco laghetto di Fiè. Qui l'Hotel Stefaner, struttura certificata Alpine Pearls, propone una settimana di ciaspolate attraverso luccicanti distese innevate per raggiungere accoglienti rifugi alpini e viste mozzafiato su Catinaccio, Sciliar e Latemar.

L'offerta include 7 notti con mezza pensione gourmet, escursioni guidate con le ciaspole incluso noleggio dell'attrezzatura e Mobilcard Alpe di Siusi Live per l'utilizzo di tutti i mezzi pubblici e di sci-bus e trekking-bus. Per chi arriva in treno, i costi di viaggio da Bolzano con i mezzi pubblici sono rimborsati dall'albergo. Prezzo: 496 euro a persona/settimana nelle camere doppie "Oceano fiorito" o "Orchidea selvatica".

Nessun commento:

Posta un commento

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI