Cerca nel blog

domenica 29 giugno 2014

Italia. la meta turistica piu’ costosa del mediterraneo


VACANZE: COLDIRETTI, HOTEL E RISTORANTI 10% PIU' CARI CHE IN EUROPA

L'Italia si classifica come la meta turistica piu' costosa del mediterraneo

 

Fare le vacanze in Italia è piu' caro con la spesa per hotel e ristoranti che è superiore del 10 per cento rispetto alla media europea e si classifica come la piu' elevata tra le diverse mete del mediterraneo. E' quanto emerge da una analisi della Coldiretti sulla base dei dati Eurostat del 2013 che evidenziano come, superato lo spread finanziario, a frenare gli incassi turistici in Italia è il sovrapprezzo che i vacanzieri nazionali e stranieri devono pagare nel Belpaese.

 

Nonostante la crisi i conti che i turisti devono pagare per mangiare fuori e alloggiare in Italia durante le vacanze sono - sottolinea la Coldiretti - nettamente superiori rispetto alle mete concorrenti del mediterraneo. La destinazione piu' conveniente per hotel e ristoranti è infatti - precisa la Coldiretti - il Montenegro dove si paga il 37 per cento in meno rispetto alla media comunitaria, seguito dalla Croazia con il 26 per cento in meno, dal Portogallo dove il risparmio è del 23 per cento e dalla Turchia dove il conto è inferiore del 22 per cento rispetto alla media europea. Il confronto - continua la Coldiretti - è pesante anche con Paesi tradizionalmente rivali dell'Italia come la Grecia dove l'esborso per ristorazione e alloggio è inferiore del 12 per cento e la Spagna che costa il 9 per cento in meno della media.

 

Il gap nazionale trasmette purtroppo i suoi effetti sui flussi turistici internazionali. L'Europa rimane nonostante la crisi una delle destinazioni preferite del turismo internazionale con il flusso di viaggiatori da tutto il mondo in Europa che è  aumentato del 5 per cento nel  2013, con i migliori risultati registrati nell'Europa centrale e orientale (+7%) e dai Paesi del Sud e del Mediterraneo (+6%) secondo i dati dell'Unwto World Tourism Barometer  del 2013. Nel dettaglio la Spagna ha pero' conquistato il primo posto con un aumento dei visitatori internazionali del 4 per cento, in Grecia l'aumento è stato del 9 per cento, a  Malta del 10 per cento e in Portogallo dell'8 per cento. L' Italia - sottolinea la Coldiretti - si colloca al posto di onore tra le mete europee preferite ma secondo i dati dell'Osservatorio Nazionale del Turismo si è verificato nel 2013 un calo del 4,3 per cento degli arrivi che ha riguardato sia gli italiani (-8 per cento) che gli stranieri (-0,2 per cento).

 

E non è un caso che per l'estate 2014 meno di un italiano in vacanza su tre alloggerà in albergo (28 per cento) mentre piu' gettonate secondo l'Coldiretti/Ixe' sono le abitazioni in affitto (19 per cento),  di proprietà (14 per cento) o di parenti e amici (17 per cento). A seguire i villaggi turistici (7 per cento), i bed and breakfast (7 per cento) e gli agriturismi (3 per cento) che fanno segnare un aumento rispetto allo scorso anno soprattutto nelle presenze straniere,  anche grazie alla qualificazione e diversificazione dell'offerta ma anche all'ottimo rapporto tra prezzi/qualità con la scelta che avviene sempre piu' di frequente attraverso siti come www.terranostra.it o www.campagnamica.it.'

 

A salvare l'Italia è il fatto che - continua la Coldiretti - è tra le mete piu' ricche di attrazioni dal punto di vista culturale, paesaggistico, ambientale ed anche enogastronomico. L'Italia è infatti il paese piu' ricco al mondo di siti di interesse culturale ma è in grado di offrire al turista anche la piu' grande varietà di opportunità, dal mare alla montagna, dai laghi al verde con le campagne che offrono paesaggi di una bellezza unica come dimostra ad esempio il recente via libera all'iscrizione dei "Paesaggi vitivinicoli del Piemonte: Langhe-Roero e Monferrato" nella lista dei Patrimoni dell'Umanità dell'Unesco ma anche l'oltre 10 per cento del territorio nazionale che è coperto da parchi e aree protette. L'Italia - conclude la Coldiretti - è peraltro l'unico Paese al mondo che puo' vantare la leadership la leadership europea con 262 prodotti a denominazione di origine (Dop/Igp), puo' contare sul maggior numero di produttori biologici nell'Unione e garantisce livelli di sicurezza da record con un numero di prodotti agroalimentari con residui chimici oltre il limite di appena lo 0,2 per cento che sono risultati inferiori di nove volte a quelli della media europea (1,6 per cento di irregolarità) e addirittura di 32 volte a quelli extracomunitari (7,9 per cento di irregolarità), sulla base delle elaborazioni Coldiretti sulle analisi condotte dall'Efsa.

 

LA DIFFERENZA DI PREZZI PER HOTEL E RISTORANTI IN EUROPA

MEDIA UNIONE EUROPEA A 28                       100

ITALIA                                                                      +10 %

SPAGNA                                                                 -9 %

GRECIA                                                                   -12 %

CROAZIA                                                                - 26 %

PORTOGALLO                                                       -23 %

MONTENEGRO                                                     -37 %

TURCHIA                                                                - 22 %

Fonte: Elaborazioni Coldiretti su dati Eurostat 2013

Nessun commento:

Posta un commento

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI