Cerca nel blog

venerdì 30 maggio 2014

Cantiere per la sussidiarietà sui divieti di balneazione a Novaglie, Ciolo, Leuca - domani 31 maggio

Novaglie, Ciolo, Leuca: dai divieti al disastro 
della stagione turistica?

Al via il secondo "Cantiere per la sussidiarietà" promosso da Novaglie a Leuca e trovare insieme una soluzione che salvaguardi dal Centro Servizi Volontariato Salento, SOS Costa Salento e CSVnet Puglia per capire cosa sta accadendo in seguito ai divieti di balneazione e navigazione l'ambiente, la sicurezza delle persone e il turismo.

31 maggio 2014 – ore 18.45


Scalo di Novaglie (Lecce)

"Ormai la protesta da parte delle associazioni e degli operatori sta diventando eclatante. Si paventa un disastro della stagione turistica che si manifesta nelle prime cancellazioni delle prenotazioni negli alberghi, nei bed and breakfast del Capo di Leuca. E allora occorre dare delle risposte precise. Occorre informare. Occorre trovare le soluzioni nel più breve tempo possibile". 
Con queste parole il presidente del CSV Salento Luigi Russo ha avviato i lavori del secondo "Cantiere per la sussidiarietà" che è previsto per sabato 31 maggio alle ore 18.45 e avrà come tema "Novaglie, Ciolo, Leuca: balneazione o interdizione?". 

Il cantiere si aprirà nei pressi dello Scalo di Novaglie, e prevede la partecipazione di tutti i sindaci dell'area interessata, oltre che i presidenti delle associazioni locali, soprattutto quelle degli operatori turistici e quelle dei pescatori.

É di pochi giorni fa l'ordinanza della Capitaneria di Porto che ha interdetto la balneazione e la navigazione, la sosta e l'ancoraggio di tutte le unità navali, la pesca professionale e sportiva e ogni attività, dai tuffi alle escursioni subacquee nel tratto di costa che arriva a Leuca. In occasione del secondo appuntamento con i "Cantieri per la sussidiarietà", i cittadini dei paesi del Capo di Leuca, gli operatori turistici e i pescatori, allarmati per i risvolti di questa decisione, incontreranno i sindaci per capire esattamente quello che sta succedendo, il perché di una decisione così drastica e individuare chi debba risolvere un problema di questa portata prima che i danni siano irreparabili per l'economia del Sud Salento. 

L'obiettivo è quello di individuare una soluzione che vada nella direzione della salvaguardia dell'ambiente, della sicurezza delle persone e del turismo. Hanno già aderito all'iniziativa i sindaci di Gagliano del Capo, Alessano, Corsano e Castrignano del Capo.

Il rischio che salti la stagione estiva nelle zone del Capo di Leuca, infatti, è altissimo. Nonostante molte aree ioniche come Otranto e Meledugno saranno presto liberate dai divieti di balneazione e navigazione a causa dei possibili crolli, rimangono bloccate le situazioni sui litorali da Novaglie a Leuca. Diventano off limits zone come Punta Meliso, Punta Ristola, Porto Vecchio, Cipolliane, Ciolo, la Grotta del Pozzo, la Porcinara, le Tre porte e la Grotta del Diavolo, La parete dell'elefante, insomma ben 12 Km di costa tra i più belli del mondo.

Una situazione esplosiva che mette a repentaglio la sopravvivenza di realtà produttive che vivono di turismo estivo e di tanti pescatori della zona che, alle porte di inizio stagione, troveranno l'accesso alle coste sbarrato. Basti pensare che il solo settore escursionistico conta 250 addetti.

La metodologia dei Cantieri è essenziale, diretta e punta alla piena trasparenza: "analisi scientifica" della vicenda, discussione, proposte. Alla fine del percorso, che resterà aperto fino a soluzione del problema, sarà votato un "documento politico" inoltrato alle autorità competenti, come alta espressione di proposta politica del territorio, nella logica dell'art. 118 della Costituzione italiana (principio di sussidiarietà), e soprattutto sarà condiviso con la popolazione interessata al problema.

Per informazioni e adesioni: presidenza@csvsalento.it; cell. 335/6458557.

Nessun commento:

Posta un commento

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI