Cerca nel blog

giovedì 7 luglio 2011

Tutti a Sedilo per l'Ardia

di Paola Porcu

Tra i tanti eventi che la nostra terra offre a chi ha deciso di trascorrere delle Vacanze Sardegna nel mese di Luglio oggi vogliamo parlare dell' Ardia di Sedilo (programma2011).

Il 6 e il 7 luglio di ogni anno, nel santuario di Santu Antine del paesino oristanese di Sedilo (siamo ai confini di una regione chiamata Marghine, nel bel mezzo della Sardegna centro occidentale) si tiene una festa molto antica chiamata S'Ardia.

L'evento, il cui nome in lingua sarda significa proteggere, è un misto di sacro e profano e, per le sue caratteristiche, è senza alcun dubbio uno dei più attesi e suggestive dell'isola, poichè racchiude in sé tradizione e fede, coinvolgimento e sensibilità dei fedeli, richiamando ormai da diversi anni non solo pellegrini e devoti ma anche moltissimi turisti stranieri.

Di cosa parliamo? Di una corsa sfrenata che fa un gruppo di cavalieri, guidato dai tre capigruppo, per entrare nel santuario dedicato a San Costantino e fare rientro verso il paese; non si tratta di arrivar primi per conquistare un palio, la posta in gioco è ben più alta ed ha a che fare con l'eterno desiderio dell'animo umano di misurare il proprio coraggio, la propria devozione.

L'evento rievoca la battaglia tenuta sul Mante Milvio a Roma nel lontano 312 a.c. in cui l'imperatore Costantino ebbe la meglio sull'esercito di Massenzio.

Luogo della festa è l'omonimo santuario, distante circa un km dall'abitato. Il percorso si snoda tra l'interno e l'esterno de "sa corte de Santu Antinu", delimitata da una sorta di muraglia che racchiude la chiesa, i "muristenes" e la casa de "Su Erimitanu" (il custode).

Si accede alla corte da due archi: uno moderno di trachite e cemento; uno più antico, risalente al XVI secolo, detto "Su portale e ferru".

"Sa prima candela", che a suo tempo aveva iscritto il proprio nome nel registro "de sas pandelas" tenuto dal parroco, guida la corsa coadiuvato da due luogotenenti: "sa segunda e sa terza pandela".

Tre cavalieri armati di bastone "sas iscortas", scelti a propria discrezione da ogni "pandela", impediscono il superamento delle tre "pandelas" da parte dei circa cento cavalieri al seguito.

Il pomeriggio del 6 luglio il Parroco consegna gli stendardi ai protagonisti principali: quello giallo di broccato, detto "Sa pandela de Santu Antinu", a "Sa prima pandela", uno rosso e uno bianco rispettivamente per "sa segunda e sa terza pandela" ed infine dei vessilli rossi per "Sas iscortas".

Parroco, sindaco, pandelas, scorte e cavalieri si dirigono verso il santuario accompagnati dai fucilieri che scandiscono con gli spari a salve i momenti più significativi della corsa.

Dopo una breve pausa a "Su fronte mannu", all'imboccatura della strada che conduce al santuario, il corteo arriva a "Su Frontigheddu", la piazzola sopraelevata da cui ha inizio la corsa vera e propria.

Da qui "Sa prima pandela" sa cogliere il momento propizio per lanciarsi a galoppo, attraversando con maestria l'arco di Costantino che immette nell'area del Santuario, e raggiungere la chiesa, seguito dagli altri cavalieri, per percorrere al passo i giri votivi, che dovranno essere in numero dispari.
La galoppata del capo corsa riprende con la discesa verso "Sa Muredda", una rotonda in pietra con al centro una croce.
Terminato un momento di preghiera, i cavalieri compiono tre giri in senso orario e uno in senso antiorario, per risalire nuovamente verso la chiesa, concludendo la corsa che si ripeterà l'indomani mattina.

Nel pomeriggio del 7, lungo le vie del paese, si svolge l'imponente processione in onore del Santo.
Nel giorno dell'ottava, fissato per tradizione nella seconda domenica successiva ai giorni della festa, sullo stesso percorso ed in una sola edizione, si svolge di mattina "S'Ardia a pe" (Ardia a piedi).

Un' occasione per delle giornate diverse lasciando per qualche giorno gli Hotel Sardegna presso le ocalità di mare e attraversando il territorio con la curiosità del viaggiatore a caccia di emozioni.

Nessun commento:

Posta un commento

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI